Diabete: i sensori per misurare la glicemia riducono ipoglicemie, iperglicemie e le complicanze

DIABETE E TECNOLOGIA : I SENSORI PER IL MONITORAGGIO DELLA GLICEMIA PERMETTONO UN MIGLIOR CONTROLLO DELLA PATOLOGIA, MINOR IPOGLICEMIE, IPERGLIEMIE E COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE LO STUDIO VITHALI SULL’UTILIZZO DEL FLASH GLUCOSE MONITORING DIMOSTRA UNA RIDUZIONE DI RICOVERI E ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO PROF. ANDREA GIACCARI, FONDAZIONE POLICLINICO A. GEMELLI IRCCS Quando si parla di diabete, sia di Tipo 1 che di Tipo 2, tutti sappiamo quanto sia importante che i valori della glicemia siano tenuti sempre in un range di sicurezza, evitando quindi crisi di ipoglicemia e iperglicemie. Più difficile è riuscirci ogni giorno però perché la misurazione tradizionale, quella attraverso la puntura del polpastrello con la misurazione del sangue capillare può non essere sufficiente anche se eseguita varie volte nel corso della giornata, possono infatti esserci sbalzi non sempre percepiti tempestivamente e non facilmente misurabili nel momento in cui avvengono. Senza contare che il doversi alzare di notte per ulteriori misurazioni ha un forte impatto sulla qualità di vita dei pazienti e dei loro familiari. Ecco perché le nuove tecnologie oggi possono essere di grande aiuto nel monitoraggio dei valori di glicemia nelle persone con diabete, e la possibilità di utilizzare dei sensori applicati sul braccio che misurano in continuo i valori di glicemia permette di sapere cosa accade nell’arco delle 24 ore e di conseguenza di aggiustare la terapia laddove necessario. Un passaggio epocale nella gestione di una patologia che colpisce milioni di persone nel mondo ed è in costante aumento. Ne abbiamo parlato con il Prof. Andrea Giaccari diabetologo della Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCCS. Fra le domande: Come il monitoraggio della glicemia attraverso un sensore cambia la vita alle persone con diabete esponendole a minor rischi nel breve e nel lungo periodo. Come funziona esattamente la tecnologia Flash Glucose Monitoring Lo studio VITHALI ha valutato proprio l’impatto del sensore sulla gestione della patologia cosa è emerso? Un altro elemento è la possibilità non solo di avere a disposizione i propri dati su uno smartphone ad esempio e quindi poter essere consapevoli in prima persona del proprio stato di salute ma anche di poter condividere i dati con il proprio diabetologo così da mantenere un filo diretto al di là delle visite periodiche.

MOSTRA MENO

shutterstock_1946861242 Approfondimenti

Tg5 – Vaccinazione anti-Covid in gravidanza

Il Presidente della SIN, Prof. Fabio Mosca spiega perchè è …

shutterstock_1298231866 Approfondimenti

Malattia Renale Cronica: le novità terapeutiche con gli SGLT2 inibitori e i nuovi immunosoppressori

Sono oltre 2 milioni gli italiani che soffrono di malattia …

shutterstock_1734335840 Approfondimenti

La sanità post Covid, opportunità e sfide per costruire la medicina del futuro

Approfondimento con: Nando Pagnoncelli AD Ipsos Italia, Walter Ricciardi Chair …

shutterstock_1660181482 Approfondimenti

Conferenza stampa del 15 ottobre sull’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale COVID-19

Diretta della conferenza stampa del 15 ottobre sull’analisi dei dati …

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi